Piscine chiuse, governanti di gesso e bambini al plutonio

protesta_palestre

Corsie virtuali al Monumentale – Fonte adnkronos

di Mauro Romanenghi

Tempi difficili per tutti. Tempi difficili anche per lo sport. Difficile per noi qui su Acquastampata affrontare con verve una stagione che dovrebbe accompagnarci fino a Tokyo ma che in realtà non sappiamo ancora bene cosa porterà.
Nel frattempo vorremmo fare insieme delle considerazioni che sono scaturite dalle nostre discussioni. 
Sappiamo bene come in questo momento difficile, molte attività sono state sacrificate: ristorazione, tempo libero, cultura e sport hanno subito questa sorte in primis sia in primavera e così pure in questo periodo che ci ostiniamo a definire seconda ondata o rebound ma che in realtà non è che il susseguirsi dell’epidemia in atto che nessuno può e riesce ad arrestare.
Mi astengo dalle previsioni future, non essendo Nostradamus il quale peraltro si è dimostrato fallace pure lui. Ho certo dei pensieri, che tuttavia non sono positivi, e ritengo comunque non essere questo il luogo ove esternarli.
Mi limito quindi alle considerazioni sul presente.

Come detto, dalle discussioni interne sono emerse alcune perplessità. Noi non crediamo che il governo si diverta a chiudere le attività, e a danneggiare i cittadini e le loro imprese o la loro possibilità di svolgere ciò che in tempi normali è non solo concesso, ma un diritto inalienabile.
Crediamo quindi che alcune problematiche sollevate non siano state  poste sotto un’ottica corretta, né da una parte né dall’altra. 
La recente chiusura degli impianti sportivi, infatti, ha creato malumori in quanto solo una settimana prima si erano sollevate questioni sulla regolarità degli impianti stessi poi fugate dai controlli effettuati.
Ora ripetiamo società, siti Internet specializzati, atleti e vari interessati del settore hanno fatto levata di scudi sulla chiusura. Ma non possiamo discutere sul fatto che se un Governo vuole limitare la circolazione allora ha la responsabilità di agire e bloccare ciò che ritiene giusto bloccare, e non è che mettersi in regola con la normativa vigente esclude dalla chiusura: le persone continuano a circolare anche se l’impianto, il ristorante, il negozio si è messo in regola. Quindi queste proteste sono giustificate sì ma per il merito, non per le ragioni.
Do atto anche che il Governo ha errato nella sua comunicazione, creando perciò questa aspettativa di “punizione” che si è avverata, dopo una settimana di controlli, creando false speranze: mentre il tutto era condizionato non dalla regolarità degli piscine ma dal progresso del contagio.
Io non ho soluzioni, perché ritengo che soluzioni non ve ne siano se non la scomparsa dell’epidemia. 

Però invito tutti a diverse riflessioni.
I gestori sono invitati a pensare a cosa hanno voluto fosse lo sport, in particolare il nuoto in Italia. Leggevo proprio qualche giorno fa un post di Arcobelli che qui linko, dove si parla di imprese sportive, però la maggior parte degli operatori sportivi sono trattati come dilettanti e come tali pagati. C’è quindi da stupirsi se il Governo colpisce prima un’attività come lo sport, che da noi stessi è definita dilettantistica quindi non un lavoro, quindi non essenziale?
Se chiude le scuole, che in Francia invece restano aperte, perchè dovrebbe tenere aperti cinema, teatri, discoteche, piscine, palestre?
Io sono solidale con lo sport, è parte della mia vita e del mio tessuto sociale. Ma non posso giustificare un mondo che si ricorda di sé stesso e dei suoi operatori solo nelle difficoltà.
ll nostro Governo, invece pensi alle sue carenze manca nell’ambito della comunicazione e della pianificazione del futuro. Io stesso, leggendo varie riviste scientifiche, avevo trovato i vari scenari che comprendevano la possibilità di mini chiusure. Ma che ci fosse un bisogno di terapie intensive lo si sapeva da marzo: è un fatto che sono aumentate pochissimo. Così come i trasporti pubblici, nonostante le grandi promesse fatte, sono rimasti quelli che erano: scarsi e mal organizzati.
E tutto ciò soprattutto in Lombardia, epicentro dell’epidemia in Italia, all’inizio e adesso.
Ma anche le infelici uscite dei nostri governanti e politici non aiutano. Inutile incitare all’unione e alla collaborazione, facendo poi le simpatiche dichiarazioni sui bambini al plutonio come il nostro amico De Luca (scelto comunque dai campani a larga maggioranza, ricordiamo) sa fare con grande maestria dimostrandosi un gran punitore ma dotato di assai scarsa empatia. 
E di certo non meglio sa fare Conte, quando dice che al posto di piscine e palestre possiamo sempre fare una corsetta nel parco: lo dica pure ai nostri campioni, di allenarsi con una corsetta nel parco, quando ai Giochi di Tokyo (se ci saranno) le medaglie scarseggeranno.

Essere a capo della nazione non significa essere di gesso: bisogna saper cogliere il cuore della gente. Sono sicuro che Sandro Pertini, in questo momento, sarebbe tra la gente a parlare e rischiare sé stesso, incitando a resistere insieme a lui. Purtroppo, non sempre, i grandi personaggi nascono quando ce n’è bisogno. Facciamocene una ragione, come del fatto che il virus è qui per restare, e non è chiudendo una piscina che se ne andrà.
Ma neanche un ristorante o una discoteca: oggi come oggi il  mal comune mezzo gaudio non piace più a nessuno.

Settecolli 2020 – Mascherine assenti, tempi presenti

IMG-20200812-WA0000-3

Foro in notturna…a porte chiuse

di Mauro Romanenghi

Dopo mesi di inattività – inattività agonistica, perché non vi abbiamo mai abbandonato, purtroppo per voi, grazie ai nostri podcast (che torneranno, tranquilli…noi non siamo quasi mai in vacanza e pensiamo spesso a come assillarvi) – rieccoci qua.

E riecco anche le competizioni. La prima e ultima competizione dell’anno si svolge proprio come me lo ero immaginato.
Eccoli quindi i nostri prodi campioni, dotati di mascherina fin poco prima del via, immergersi nelle acque del nostro amato Foro che finalmente non si sente più solo.

Dotati di mascherina fino a un certo punto. Immagini di ieri mostravano le tribune (abbastanza vuote, dato le porte chiuse quindi l’assenza di pubblico) con un assembramento limitato ma esistente e una buona assenza di protezioni individuali (scrivo così per non fare ripetizioni).
Dato il periodo e la presenza di una buona dose di negletti e negazionisti, direi che  sarebbe meglio rispettare un po’ di regole e di sicurezza che rischiare una bella dose di contagiati durante questo Settecolli in epoca Covid19.

Esaurito il pippone sociale, passiamo alle competizioni vere e proprie.
Il mese circa di stop (dipende molto da chi, dove e quando) sembra non aver intaccato la preparazione dei numeri uno in molti casi.

Di sicuro i pupilli del Moro mettono giù subito le cose in chiaro, andandosi a predere un 400 stile da quasi primato personale. E così dopo i gemelli diversi abbiamo i gemelli del Covid, Gabriele e Tullio, che sfrecciano nella vasca con questo bel passaggio da sotto 1’50” ai 200 e se non si fosse vista una piccola flessioncina nel finale, un primato italiano ci stava tutto.

Marco De Tullio oramai sarà Tullio per gli amici. D’altronde, per essere Re di Roma, o sei Tullio o niente.

Giulia Salin da Venessia, ciò: veni, vidi, vici. Spinta dalla Egorova, cognome che in Russia è come Brambilla a Milano, e nello sport di fondo evoca vivaci ricordi sulla neve ai tempi di Belmondo e Di Centa, Giulietta apre il suo motore boxer Alfa Romeo e si spinge fino al suo primo titolo assoluto con il sesto tempo alltime nei 400 nonché primato italiano Cadette.
Non contenta, si issa poi al sesto tempo alltime nei 1500 a fine serata, proprio mentre caramellina Quadarella viene ciucciata da una Caramignoli in stato di grazia: terza italiana sotto i 16 minuti e ingresso nell’elite mondiale. Quadarella che, devo dire, non sembrava proprio in grandissimo spolvero ma tanto è e Martina si piglia questa gara con merito.

Insomma, una serata mica male. Note stonate? Io faticherei, in questa situazione, a definirne di tali.

Le raniste si fanno battere dalla elvetica Mamie che deve conseguire il primato personale per farlo: e in ogni caso, sono in quattro a 1’07” o meno, credo evento mai successo in Italia: E quindi prevedo gran battaglie tra Castiglioni, Carraro, Pilato e Fangio e chissà…Niente di che dalla velocità in generale, che paga però l’inattività più delle gare lunghe. Si sa, qua i particolari si affinano con il passare delle competizioni. E comunque, primato per Miressi al quinto tempo alltime nei 50 e una Di Pietro sotto i 25” nei 50 stile.
La rana maschile è tutta a ridosso del minuto, con una seconda vasca dove Martinenghi a parte si è vista la ruggine staccarsi a tocchi dalle gambe dei protagonisti e ossidare il fondo della vasca. Ciononostante riemerge dalle nebbie della Valdichiana in cui si era perso Pinzuti. Lo aspettiamo al varco, dietro al trio Martinenghi, Scozzoli e Poggio. Se pensiamo che ben nove ranisti sono scesi sotto il 1’02” e cinque sotto 1’01”, direi che non c’è nulla da lamentarsi.

Burdisso si presenta dopo i 100 farfalla con il look da boyband ma con la forma da Olimpiade. Se poi ha veramente sistemato virate e apnee come – pare – serva (così ha detto lui, noi riportiamo fedelmente) allora aspettiamoci qualcosa anche nei 200, a lui un filo più congeniali.

E mi raccomando le mascherine in tribuna, ben allacciate e mantenete le distanze di sicurezza. Insomma, come diceva Nico Cereghini: “casco ben allacciato, luci accese anche di giorno, e prudenza…sempre!”

 

 

FuoriOnda 77 – Paola Contardi: la gestione dell’emergenza!

di Redazione Podcast

Paola  Contardi: psicoterapeuta e psicologa dello sport

Paola Contardi: psicoterapeuta e psicologa dello sport

Puntata 77 – Paola Contardi psicoterapauta e psicologa dello sport

Conduce la blogger Laura Vergani insieme a Mauro Romanenghi, tecnico della IN Sport Rane Rosse, Fabrizio Fogliani di Vaporidicloro. In redazione come sempre Marco Agosti.

Ospite Paola Contardi, psicoterapeuta e psicologa dello sport.

In questo periodo difficile sentiamo il parere di Paola Contardi, già nostra ospite lo scorso anno in queste frequenze.
Con lei affrontiamo le domande che molti si fanno in questo periodo: come reagire a uno stop forzato, a chi chiedere aiuto, il ruolo della famiglia, il ruolo della società e degli allenatori. E anche come ripartire, con qualche strategia… su come passare le nostre giornate. Il tutto in un’ottica non solo per atleti di alto livello ma per tutti, anche i più giovani. Perché il virus come dice Paola… è democratico: non parteggia per nessuno.
Solo su Fuorionda, l’unico podcast sul nuoto italiano… e non solo.

Montaggio a cura di Tommaso Marconi di RCT Sport.
Sigla “I Like Peanuts” disponibile in Licenza Creative Commons su Audionautix.

Puntata registrata il 3 aprile 2020
Credit foto: Paola Contardi