Europei WPS – 74 medaglie

di Laura Vergani

nazionale_finale

Nazionale FINP medagliata – Augusto Bizzi

74 medaglie sono ben più di un “sintomo” di buona salute del movimento..
Sono la dimostrazione inconfutabile che il lavoro di reclutamento serio di tutta la FINP, la preparazione continua dei tecnici, la tenacia degli atleti, la disponibilità delle famiglie, gli investimenti mediatici di RaiSport insomma che il lavoro di squadra permette di raggiungere risultati molto più alti di quelli raggiungibili dalle singole persone.

Grazie di !

 

Europei WPS – Che spettacolo!!

di Mauro Romanenghi

LA NAZIONALE FINP/ Augusto Bizzi-CIP

Dublino, 13/19 agosto 2018 Campionati Europei WPS Dublino2018 DELEGAZIONE Foto Augusto Bizzi

Parafrasando Lorenzo Roata, speaker del basket in carrozzina: amici del nuoto paralimpico!!! Non c’è codice, non c’è categoria, c’è solo competizione!!!

Insomma mia moglie mi fa: “guarda che ci sono gli Europei dei ragazzi!!!”
“Ho capito!”
“Le finali sono alle 19”
“Ho capito”
Alle 19 sono davanti allo streaming. Youtube o Raisport?
Ci sono Mecarozzi e Fornasiero, scelgo Raisport: diamogli fiducia, ci ha messo il cuore.

Il duo Mecasacchi si scinde e avviene l’agganciamento con Federica Fornasiero. Un po’ come Miva e il suo Big shooter per Jeeg, Venus per Mazinga, o se preferite il Geiking e la sua girandola magnetica, Federica accompagna Tommaso nei suoi voli pindarici. La mancanza dello sciamano un po’ si nota, ma qui bisogna stare terra terra perchè le gare si susseguono una via l’altra. Il risultato se ci fosse l’Impero delle Tenebre sarebbe disastroso, per fortuna sono solo gare di nuoto e se la cavano alla grande!!!

Ogni tanto a Tommaso sfugge la nazionalità dei nuotatori. C’è sempre Federica a correggere il tiro. Devo dire che essendo il 70% dei favoriti ucraini l’errore non è molto frequente.

Pensavo che la mascotte Bonnie di Glasgow, che fa mostra di sé col suo sorriso meccanico davanti al mio letto, avesse raggiunto il culmine della bruttezza. Invece no, arriva il pupazzetto asessuato e innominato a forma di quadrifoglio (?) irlandese. Poi si è scoperto che si chiama Patrizia. Per fortuna non c’è a grandezza naturale…ce lo vedete un megaquadrifoglio in tribuna?

Federica sempre sull’orlo dell’emozione. Tranne una giornata dove la voce scompare. Mecarozzi la recupera subito: “E’ colpa di mio padre”, dice lei.
Mecarozzi: “Tu devi ascoltare me”!
Neanche Sandra e Raimondo andavano così d’accordo.

Fornasiero: “L’Ucraina ha dichiarato di volere almeno 106 medaglie”
Mecarozzi: “Un po’ pretenziosi eh”
Ucraina 33-44-29: 106 medaglie precise (con squalifica dell’oro nella staffetta finale, sennò sarebbero state 107.. ahi ahi).
“Mai parlare troppo presto, se non si è ucraini” dice un vecchio detto locale.

La coppia d’oro della New Team era Holly Hutton e Tom Baker. Fantin e Bocciardo sono quasi uguali. Quasi. Gli manca solo la catapulta infernale, anche se quella la facevano i gemelli Derrick.

I tifosi sugli spalti sono tanti e impazziscono. I migliori, come sempre, sono i tifosi (e le tifose) olandesi. Mi sono molto mancate agli Europei di Glasgow le loro sfilate sulle tribune.

Certo anche le atlete italiane non sfigurano al cospetto delle tifose olandesi. Ma siccome bisogna parlare di sport e mia moglie poi mi controlla per par condicio non dico altro. Altro che Sandra e Raimondo.

Tifo irlandese alle stelle e viene giù lo stadio per la medaglia della Keane nei 200 misti. Che poi ci prende gusto e vince i 100 rana. Cappelli da leprecauno che volano, non come la mia sedia a Budapest ma quasi.

Qui lo dico e qui lo nego ma i classificatori come possono pareggiare persone che hanno solo due gambe con persone che hanno solo due braccia? Ma hanno mai provato a fare 200 metri di gambe e 200 di braccia??? Mah…

Vedere i 50 metri delfino a sole gambe in 35”00: fatto. Con arrivo di testa. Chapeau.

Notizia da Bibbione. Il parroco di Fantin, tale don Andrea, suona le campane a ogni vittoria di Antonio. Un po’ come per la Ferrari. Per fortuna che quest’anno siamo a Dublino, altrimenti ce li vedi i parrocchiani a svegliarsi alle 4 di notte per le campane di don Andrea alle possibili vittorie di Tokyo?

La migliore delle azzurre Alessia Scortechini. La romana (impossibile sbagliarsi) inquadrata sullo sfondo in lacrime dopo la finale dei 100 farfalla, dopo due minuti netti si presenta con sorriso smagliante. Immagino i nostri atleti normodotati dopo aver perso la finale da favoriti numeri uno e primatisti europei. Dramma superato brillantemente. “Eh io so’ così”. Impossibile sbagliarsi.

Carlotta Gilli. Il suo record più importante, certificato dal Guinness Book of Record, non sono i 100 farfalla, dorso o stile né i 200 misti, o tantomeno i 5 ori mondiali.
Il Guinness infatti ha decretato che è l’unica capace di fare un discorso sensato in tre minuti con 1433 parole senza sbagliare i congiuntivi e i condizionali e impedendo a chiunque di interromperla.

Alessia Scortechini è anche l’unica in grado di far ridere Stefano Raimondi, che mi sembra il clone di Gustav Thoeni. Stessa pronuncia, stessa espressione (nessuna), stesso tono di voce. Probabilmente il suo piatto preferito sono i rigathoeni.

Il Principe (che non è Totti ma al secolo Federico Morlacchi) ammette candidamente di trovare il nemico in casa. Barlaam, compagno di allenamenti, non è proprio uguale a lui eh… il confronto non so se avete presente è come Miressi con la Polieri. Auguri.

Cecilia Camellini è molto amata dalle altre atlete. Nel suo ultimo podio le ragazze al suo fianco la hanno abbracciata per salutarla…un’avversaria in meno???

Sempre Alessia Scortechini protagonista. Si lamenta che lei fa il tifo in zona mista e gli altri vincono. E per lei non c’è nessuno e non vince. Giusta osservazione. Ci provano coi 100 stile ma è tardi. E Alè la prossima volta famme venì che ce vengo io in zona mista!

In tema di scaramanzia, il “cavaliere” Boni afferma con certezza che la tuta della Fornasiero porta bene. Su EBay vale già 1500 euro.

E facce un 25”00 Simone. Detto, fatto. Simone Barlaam.

Parliamo un po’ della giuria.
Punto primo. Io non so nulla di classificazioni. Posso capire che si abbiano tutti gli atleti alla manifestazione, ma dirlo o farlo prima delle gare una classificazione generale non guasterebbe, di certo meglio che a gare in corso.
Punto secondo: il cronometraggio. Il riepilogo delle batterie, i qualificati, mettere la nazionalità di chi parte, non sarebbe male. Ci viene in soccorso in parte il sito www.paralympic.org. Grazie.
Tralascio il siparietto sulla staffetta italiana che vince e fa il record europeo con un tempo messo a caso.
Ribadisco, guai a chi si lamenta ancora dei problemi tecnici alle gare regionali.

Enormi i ringraziamenti per i cuochi portati dall’Italia. Ma si mangia veramente così male a Dublino?

Dai cibi alle bevande. La bevanda energetica dei campionati la assaggia solo Mecarozzi. La Fornasiero che è una donna ed è più furba non ci prova neanche. Ci informeremo sulla composizione. Si sa siamo in Irlanda, terra di folletti e streghe.

Bandiere virtuali sugli schermi durante l’inno nazionale. Certo che quattro soldi per l’alzabandiera potevano anche metterli eh!

Classifica degli inni più tristi.
Primo senza rivali l’inno ucraino. L’inno svizzero è secondo. Terzo, ma staccatissimo, l’inno bielorusso. Mia moglie non è d’accordo, sono opinioni. Lei al secondo posto mette il greco..

Il nuoto è la mia vita, l’acqua è la vita di tutti.
Grazie, Salvatore Urso.

FuoriOnda 30 – speciale Categoria 2018

di Redazione Podcast

Conduce la blogger Laura Vergani, amabilmente coadiuvata da Mauro Romanenghi, tecnico della IN Sport Rane Rosse (così dice lui), Fabrizio Fogliani di Vaporidicloro. In redazione come sempre Marco Agosti.

Ospite di oggi Corrado Sorrentino di Swimming Channel, intrusione in zona Cesarini di Daniele Belluzzo tecnico della Larus Nuoto e conduttore di Nuotocaffè.

Torniamo alla squadra completa: Mauro Romanenghi, in forma olimpica come i nostri ragazzi, e Fabrizio Fogliani, pronto alle sue intrusioni a gamba tesa. E tornano Corrado Sorrentino e Daniele Belluzzo, che ci aiutano ad analizzare e sviscerare i temi di questi campionati. Opinioni diverse, ma tutte condivisibili. E voi, che ne pensate? Ascoltate la trasmissione di Fuorionda sui Categoria estivi, perchè noi non ci fermiamo mai!!! Neanche a Ferragosto (beh, un pochino sì).

Montaggio a cura di Edoardo Macrì di Lifesavinginitaly.

Sigla “I Like Peanuts” disponibile in Licenza Creative Commons su Audionautix.

Puntata registrata il 14 agosto 2018

credit foto: Alessandro Bacchi

FuoriOnda 29 – EC2018 Glasgow con Paolo Barelli

di Redazione Podcast

Conduce la blogger Laura Vergani in trasferta nella terra dei kilt. La conduttrice è coadiuvata abilmente da Mauro Romanenghi, tecnico della IN Sport Rane Rosse (così dice lui), Fabrizio Fogliani di Vaporidicloro e in redazione come sempre Marco Agosti.

Ospite di oggi Paolo Barelli, presidente FIN e LEN.

Si conclude il campionato europeo dei nostri podcast. Con il consuntivo del nostro presidente federale e presidente LEN Paolo Barelli. Partiamo dal bilancio del nuoto, per spostarci poi sulla vetrina degli sport in generale aiutata da questi Campionati. E speriamo che tutto questo aiuti a sviluppare anche lo sport in Italia.
Tutto questo solo su Fuorionda, il podcast che vi racconta tutto il nuoto da un altro punto di vista.

Montaggio a cura di Edoardo Macrì di Lifesavinginitaly

Sigla “I Like Peanuts” disponibile in Licenza Creative Commons su Audionautix.

Puntata registrata l’ 11 agosto 2018 a Loch Lomond

credit foto: FIN

Categoria2018 – 2: Tempi e classifiche confermati! E ora…

di Mauro Romanenghi

Ed ora? Vacanza!! photo by: Alessandro Bacchi

Ed ora? Vacanza!! photo by: Alessandro Bacchi

Sprinter di razza o… Razzetti? Questo il dilemma? Troviamo nella penultima giornata di questi Campionati l’erede di Rosolino, Boggiatto, Turrini (tutti con le dovute proporzioni), il quarto posto alltime in 1’59”72 e una nuova speranza.

Ma ci sono anche sprinter… sprinter. Uno su tutti, Miressi. Che viene qui non solo a firmare autografi ma a sparare a un bel 47”92: 23”2 e 24”7, mica pizza e fichi.

Altro sprint: chi se lo aspetta Ceccon a 48”? Insomma, dopo i 50 farfalla ci ha preso gusto il ragazzo e così lo fa, 48”87. Insomma se ci riesce il ragazzo russo dalla collana di ghiaccio perchè non io? Mica male anche Vergani, 49”4, niente di che ma se ci crede…

Visto che siamo in tema di sprint, un passettino in più per Ruberti e Spaziani. Niente di eccezionale: ma come diciamo noi..piutost che nient, eccetera.

Molti gli atleti della nazionale che hanno deciso di posticipare le vacanze e venire a Roma a far vedere che ci sono. Tra loro Ilaria Bianchi, che 6 anni dopo Londra si migliora ancora. Tanti record assoluti inceppano la perfetta macchina Luca “Terminator” Rasi che non potendo recitare la solita formula ”tempi e classifiche confermati” incespica annunciando il “record  italiano assoluto dei 100 farfalla Senior”. Vai Luca, confermato. E ora la prossima finale in programma.

Tra l’altro, parlando di atleti della nazionale, vi lascio questo link di critiche sulla Quadarella e la sua divisa. In Italia siamo specialisti nello smontare i nostri campioni. Non entro neanche nel merito della questione, ma non è colpa dei nostri ragazzi se uno dei pochi modi che hanno di fare sport ad alto livello è questo. E di dare lustro a chi in quei corpi ci lavora e sì, lo sappiamo, rischia la vita.
https://www.facebook.com/matteo.montorsi.77/posts/10217086081689658

E visto che siamo in vena polemica tralascio anche il commento sulle dichiarazioni del DT della nazionale di atletica (vedi qui: http://news.superscommesse.it/atletica/2018/08/europei-atletica-2018-le-dichiarazioni-del-d-t-locatelli-362872/

e lo invito ad ascoltare il nostro podcast con Donati

https://www.spreaker.com/user/acquastampata/f-o15-sandro-donati-prima-parte

https://www.spreaker.com/user/acquastampata/f-o16-sandro-donati-seconda-parte

Luca “Terminator” Rasi continua poi imperterrito la sua progressione. Nei 200 rana Senior vince la Mendolicchio, una ragazza che dal 24esimo posto delle classifiche con un 50 finale da campionessa europea conquista il successo probabilmente più importante della sua carriera. Niente, nessuna emozione. Luca Rasi imperturbabile: prossima finale in programma. Ma noi ti vogliamo bene Manuela, tutto è possibile, The Moment.

Sempre parlando di rana, nei 200 il vuoto cosmico. Senza Pizzini nei maschi non c’è nulla sotto il 2’10”, e nelle femmine senza se e senza ma. Dispiace, aspettiamo un contatto.

Proseguendo con i 200 rana, continua la mia personalissima conta dei miglioramenti rispetto agli Eurojunior: Memo, 2’26”23, miglior tempo della manifestazione, -2 rispetto alla rassegna continentale.

Biasibetti entra nel club grazie ai 100 farfalla, secondo titolo per lei e meglio che a Helsinki, per i posteri.

Situazione 200 stile donne. Nel deserto dei tartari esce la Caponi. Personal best, 1’58”79 e nona all-time. Un lampo nel deserto non fa crescere i fior.

Lo so che sono un guastafeste ma se guardate la classifica Junior internazionale dei 200 stile abbiamo per somma di tempi delle prime, circa 8’06”. La staffetta 4×200 a Helsinki ha fatto 8’16” (come la Quadarella da sola). Vi voglio bene lo stesso.

Nell’euroclub al settimo posto entra la Cocconcelli, 2’15”27 qui, podio a Helsinki. Personale e Circi, argento europeo, battuta. C’è ancora un anno, per provarci!

Il duello  Burdisso Ceccon continua: prima si va 2-1 con un 200 farfalla in cui si esagera a 54” di passaggio, poi con il 2-2 firmato 100 stile. Il lombardo non ci sta e rischia coi 200 misti, ma il veneto non c’è: 3-2. Alla fine sigillo coi 100 farfalla e un bel dolce coi 200 stile. Proprio come dice un mio amico: instancabile. La Gran Bretagna gli ha fatto un gran bene.

Chiudiamo con una considerazione, prima di riporre il mio personalissimo taccuino. Duecento stile, ultima gara di stagione: con Megli che tenta di fare il record italiano abbiamo tre atleti a 1’48”. Burdisso è fra questi. Ne aspettiamo altri. E aspettiamo tante tante ragazze che abbiano voglia di farli. La fatica è tanta ma la gloria c’è.

Alla prossima, e Gianluca… Maglia, di bene in Megli! Tanti auguri agli sposi!

FuoriOnda 27 – EC2018 Glasgow con Massimo Giuliani

di Redazione Podcast

Conduce la blogger Laura Vergani in trasferta nella terra dei kilt. La conduttrice è coadiuvata abilmente da Mauro Romanenghi, tecnico della IN Sport Rane Rosse (così dice lui), Fabrizio Fogliani di Vaporidicloro e in redazione come sempre Marco Agosti.

Ospite di oggi Massimo Giuliani, CT della nazionale di nuoto di fondo.

Prosegue la trasferta di Laura Vergani ai Campionati Europei. Siamo verso la fine, e quindi ci spostiamo al lago. Dove si svolgono le gare di fondo, e dove abbiamo il piacere di ritrovare Massimo Giuliani, stavolta di persona. Con lui come al solito analizziamo un po’ tutto: sia le novità riguardo la nuova muta, sia la location della gara, sia la tecnica dei passaggi di boa sia la nuotata. Insomma una chiacchierata con “IL nuoto di fondo”. In attesa delle ultime gare, visto che eravamo solo a metà percorso.
Tutto questo solo su Fuorionda, il podcast dal kilt d’oro anche se un po’ freddino oggi!

Montaggio a cura di Edoardo Macrì di Lifesavinginitaly

Sigla “I Like Peanuts” disponibile in Licenza Creative Commons su Audionautix.

Puntata registrata il 10 agosto 2018 a Glasgow.

credit foto: Laura Vergani

FuoriOnda 28 – EC2018 Glasgow con Davide Cassani

di Redazione Podcast

Conduce la blogger Laura Vergani in trasferta nella terra dei kilt. La conduttrice è coadiuvata abilmente da Mauro Romanenghi, tecnico della IN Sport Rane Rosse (così dice lui), Fabrizio Fogliani di Vaporidicloro e in redazione come sempre Marco Agosti.

Ospite di oggi Davide Cassani, CT della nazionale di ciclismo su strada (e direttore tecnico squadre nazionali, naturalmente)..

Prosegue la trasferta di Laura Vergani ai Campionati Europei. Oggi il nuoto è finito e noi ci concediamo, visto che siamo ai Campionati Europei multisport o come diavolo li volete chiamare, una chiacchierata con Davide Cassani che penso non abbia bisogno di presentazioni. In mezzo a un party di matrimonio in stile old scotland (!) parliamo con lui dei suoi molteplici ruoli: corridore, commentatore, CT. E della realizzazione dei sogni. Suoi e quelli degli altri… come vincere il campionato del mondo, ad esempio. E non importa se ogni tanto nel ciclismo si parla del nulla o non si ascoltano i consigli del direttore sportivo alla Coppa Placci.
Tutto solo nei podcast di Fuorionda, oggi in trasferta anche dal nuoto!

Montaggio a cura di Edoardo Macrì di Lifesavinginitaly.

Sigla “I Like Peanuts” disponibile in Licenza Creative Commons su Audionautix.

Puntata registrata il 10 agosto 2018 a Glasgow.credit foto: Wikipedia

Categoria2018 – 1: Festa…nazionale!

di Mauro Romanenghi

Stadio Del Nuoto - Roma/Alessandro Bacchi

Stadio Del Nuoto – Roma/Alessandro Bacchi

Sono iniziati questi categoria e mi scuserete se non ho molto prestato attenzionein questa gara nei primi giorni. Ma le gare le ho seguite, ve lo dimostrerò!

Intanto questi Categoria servono un po’ da festa per la Nazionale Italiana che torna da Glasgow vittoriosa. Molti quelli che partecipano e prendono l’applauso della folla. Quindi l’occasione per tanti selfie con i nostri beniamini.

Faccio un passetto indietro e parlo della Categoria Ragazzi. Dove abbiamo avuto quattro record che sono passati purtroppo un po’ inosservati. Non è inosservato da me che i due record individuali sono della Nuotatori Pugliesi con la Gaetani nei 200 dorso (che fatica però vincere!) e con la Pilato – anno 2005 – che batte il vecchio primato dei 100 rana con 1’10”39. Speriamo faccia miglior fine del suo predecessore. Altri due record vengono dalle staffette, così diamo merito a tutti: Leosport nella 4×200 e G. Sport Village nella mista. Tutti record femminili: girl power!

Nicotra il protagonista dei Ragazzi. Quattro titoli conquistati, la velocità a stile e i 100 dorso. Il suo 50” 78 è notevole. Caro mio sei il nostro osservato speciale.

Prima critica. La musica dello streaming è insopportabile. Vogliamo vedere le gare di nuoto. Quando vorrò ascoltare i Depeche Mode mi comprerò l’album su VeVo.
Peggio del peggio quando si mischia con quella delle presentazioni delle gare.

A me diverte un sacco quando c’è la processione dei giudici che vanno verso la virata per vederla e poi tutti insieme tornano indietro. Fateci caso!

Di Liddo e Bianchi non rinunciano a sfidarsi già dai 50 farfalla. La Di Liddo ci prende anche gusto a vincere. Mica male Biasibetti, alle soglie del 27”00 e anche della topten italiana. E con le compagne nuova primatista italiana Junior della 4×100 stile.
Restivo te lo avevo detto che i baffetti servono per scivolare meglio ma soprattutto per non rallentare all’arrivo. E Mencarini ringrazia.

Se le apnee di Restivo fanno la differenza, le migliori qui sono quelle di Mora, che di certo non impariamo a conoscere oggi. Ma oggi conosciamo il Mora da 1’58”30 che passa al decimo tempo alltime in Italia. Speriamo che vedere gli Europei in TV sia servito!

Primo duello Burdisso-Ceccon reduci dalla Scozia va al veneto. Nei 50 farfalla con un record italiano Junior e Cadetti. Uno a zero e palla al centro.

In questa gara dove Ceccon entra nei primi sei in Italia, è successo di tutto. La corsia 2 parte forse prima forse no, non si capisce grazie alla musica dello streaming (pure dannosa in quetso caso!!!). Ceccon pesca invece uno start micidiale e domina la gara. Alla Codia!

Grazie Marco Agosti che aggiorni i tempi alltime in tempo reale. Infatti ci sono già i tempi di Glasgow e qualcuno si inserisce, come vedete. Lavoro oscuro e prezioso, anche al Foro!

Comincia la sfilata degli Junior che fanno meglio a Roma che a Helsinki. Io mi limito diciamo a fare una statistica su quelli che vanno a podio qui ai Categoria, lascio ai siti specializzati e agli statistici di mestiere fare un lavoro accurato. Iniziano Masciopinto con 55”90 (un paio di centesimi) ma ancora meglio fa De Tullio che va a 3’49”92, miglior tempo di tutta la manifestazione, che lo avrebbe portato comodamente sul podio agli Eurojunior. Non è neanche il suo primato visto che lo ha fatto in una manifestazione regionale a Bari. Si vede che hanno capito solo ora il loro reale valore. Speriamo non continuino così però!

Santo Yukio Condorelli non si può proprio sentire. Il torroncino giapponese? O il patrono dei gianduiotti? Speriamo vada solo forte, va.

Nella prima frazione di staffetta Junior, David Zorzetto anno 2000 49”05. Personale di 4 decimi. E siamo già a tre, con lui. Il conto va avanti.

Metri 50 stile. Inizia Vergani con 21”90, poi Miressi vince i Cadetti con 21”94 (quinto alltime) e infine Burdisso negli Junior (e siamo a posto) con 22”72.

Considero 1-1 Burdisso e Ceccon, anche se qui il duello non c’è stato. Gli assenti hanno sempre torto.

Nei cento rana, Casti in forma europea dal mattino. Pomeriggio ribadisce. Il miglior maschi è il Cadetto Pinzuti: 60”5 d’autorità. La strada verso il 59” è ormai imboccata.

FuoriOnda 26 – EC2018 Glasgow con un quartetto speciale

di Redazione Podcast

Conduce la blogger Laura Vergani in trasferta nella terra dei kilt. Sempre con il supporto di Fabrizio Fogliani e Marco Agosti in Redazione.

Ospiti di oggi Cristina Chiuso che ben conosciamo, Enrico Spada di OAsport e Mauro Romanenghi, che oggi fa l’ospite da una cattedrale segreta… reduce dal pesce della Caletta.

Prosegue la trasferta di Laura Vergani ai Campionati Europei. Metti insieme: una campionessa, un tecnico, un giornalista e una qualsiasi.
Tutti appassionati di nuoto.. Metti che siano appena finiti i Campionati Europei di Nuoto di Glasgow.. Metti che li abbiano seguiti.. Metti che ne parlino tra di loro..
Ecco!! Questo è quello che potrebbe succedere!
Tutto questo solo su Fuorionda, il podcast delle staffette miste scozzesi!

Montaggio a cura di Edoardo Macrì di Lifesavinginitaly.

Sigla “I Like Peanuts” disponibile in Licenza Creative Commons su Audionautix.

Puntata registrata il 10 agosto 2018 a Glasgow

credit foto: Laura Vergani

FuoriOnda 25 – EC2018 Glasgow con i ragazzi della 4X200 stile libero

di Redazione Podcast

Conduce la blogger Laura Vergani in trasferta nella terra dei kilt. La conduttrice è coadiuvata abilmente da Mauro Romanenghi, tecnico della IN Sport Rane Rosse (così dice lui), Fabrizio Fogliani di Vaporidicloro e in redazione come sempre Marco Agosti.

Ospiti di oggi i ragazzi della 4×200, in ordine di staffetta. Proietti Colonna, Megli, Ciampi e Zuin.

Prosegue la trasferta di Laura Vergani ai Campionati Europei. E stavolta abbiamo un quartetto di facce di bronzo. Alessio Proietti Colonna, Filippo Megli, Matteo Ciampi, Mattia Zuin si sovrappongono, si insultano, tirano le cose più svariate, uno fa braccia e l’altro le distanze lunghe. Però alla fine quello che conta in staffetta non è la somma che fa il totale, ma l’esaltazione fa novanta!
Tutto questo solo su Fuorionda, il podcast dal kilt d’oro anche se stavolta la medaglia è di bronzo!

Montaggio a cura di Edoardo Macrì di Lifesavinginitaly.

Sigla “I Like Peanuts” disponibile in Licenza Creative Commons su Audionautix.

Puntata registrata l’8 agosto 2018 presso il Tollcross International Swimming Centre di Glasgow

credit foto: Laura Vergani