Assoluti 2022 day 4-5: Esce lo Sgarbi d’annata

Allora!!!

di Mauro Romanenghi

Gli ultimi due giorni di Assoluti diciamocelo me li sono visti al computer, nel senso che ho letto i risultati su Internet. Avevo da fare, lo ammetto, e mi son perso queste giornate.

In piscina, poi, ho sacramentato per due giorni quindi l’umore per scrivere qualcosa e anche le forse erano ridotte. Ieri poi quasi viene giù il palazzetto perché nell’allenamento ancora vedevo una mollezza che al confronto il mio nuovo cane anziano (ha già 11 anni ma lo abbiamo adottato con grande felicità di mia moglie e, spero, anche sua) è uno sprinter di razza.
Quindi vedere i risultati su Internet non è che mi abbia rinvigorito.

Il quarto giorno cosa ho perso? Qualitativamente, poco: nessun pass per i Mondiali. Ora io mi chiedo ma è mai possibile che in venti anni dal Duemila a oggi nei 50 ai 200 stile libero noi siamo arrivati al 2022 in cui la velocista più forte è una trentenne che scende a volte sotto i 25 secondi? Nei 100 abbiamo due sotto i 55”? Nei 200 non ne parliamo. Osservate la 4×200 di società. Fior fiore di atlete nei gruppi militari che fanno questo di mestiere e abbiamo due dico due atlete sotto i due minuti lanciati. Non credo che le atlete siano felici, né che i tecnici siano felici né che la Federazione sia felice. Ma cosa importa avere delle tredicenni che fanno due minuti in corta se poi non abbiamo nessuno che fa sotto i due minuti in lunga? Perché c’è questa mollezza?
Perché sento ancora interviste con atlete che dicono che fanno fatica a recuperare la mattina con il pomeriggio?

Bene, la filippica sulla velocità femminile l’ho terminata. Passo a quella sui 200 stile uomini. Dalle staffette, mi sarei aspettato qualcosa di più sulla gara individuale. Non so, forse la mia previsione era azzardata, ma una qualifica così dura, con un Galossi fuori a 1’49” basso, mi faceva presagire di nuovo fulmini e saette come nei 100. Così non è stato, e da appassionato e tifoso ammetto un q.b. di delusione, De Tullio exception.

Così come deluso sono stato lo ammetto dal Razzo, che mi aspettavo dopo una scintillante stagione invernale a un’ulteriore conferma. Invece no, un piccolo passo indietro. Spero anzi voglio credere che sia un piccolo passo falso, e vedremo se sarà così.

Come sempre non vorrei essere frainteso e si pensi che sottovaluto il lavoro dei ragazzi. Non è così, e non conosco di tutti i possibili problemi in questa stagione. Ma mi aspettavo più conferme, ecco tutto. Soprattutto mi aspettavo che arrivassero più Galossi. Non intendo forti come lui, ma giovani con fame di battere i veterani. Perché di questo è fatto il nuoto, di Pilato e Galossi, di Bertoni e de Tullio, e di tanti coach che li pilotano fuori dalla nebbia dell’anonimato fino agli allori delle cronache. 

Sorride tantissimo la rana invece, maschile e femminile. Sei pass su otto nella rana veloce, mancano all’appello i 200 con una cronica carenza nel settore maschile (non devo certo ricordare il nostro illustre recente passato, con ori e medaglie olimpiche, mondiali ed europee) e un settore femminile che si regge su una piccola simpatica ranista toscana trapiantata in Lombardia (con tutti i fisici che abbiamo non c’è proprio nessuna che possa seguire le sue orme???)

Dice il nostro CT che non sarà il centesimo a lasciare a casa i ragazzi. Beh ricordiamoci però che basta un centesimo per vincere o perdere.

Concludo con una personale diatriba consumata in casa sulla mascotte. Lo avevo già buttato lì. I cani, a nostro parere, devono fare i cani. Poi si vedrà, ma tenere due cagnoni sotto il sole agostano di Roma, a nostro parere, potrebbe essere una pessima idea. 

Insomma questo giro vi ho stroncato abbastanza. Alla prossima.

Assoluti 2022 day 3: Mascotte svelate!

Nuotatrice esperta!

di Mauro Romanenghi

Oggi non ho molto da dire e allora parlerò delle mascotte. 
Sì perché nella terza giornata hanno presentato le mascotte dei Campionati Europei. Da qualche parte ho letto che le mascotte sono due cani viventi (forse preferivano imbalsamati, non so).
Sono un Terranova e un Golden…mi aspettavo un Labrador, ma va bene lo stesso. Immaginavo portassero dei cani da salvamento, anche perché devono stare vicino all’acqua…senza impazzire e saltarci dentro mentre si disputa la finale dei 100 stile libero!
Se avessero fatto mascotte il mio cane non sarebbe finita neanche una gara, visto che si gettava a salvare qualsiasi bagnante.
Buona fortuna Lea e Gastone, e cercate di avere pazienza sotto il sole agostano di Roma.

Pazienza dovrà avere Paltrinieri, che fa 7’46”01 e pensava di essersi qualificato invece no! Una delle poche gare dove bisogna farlo al centesimo, il tempo, è proprio questa.

Nella stessa gara arrivano i ragazzi terribili dello Scuro Minotti. Sotto gli 7’50” Luca De Tullio, fratello di Marco (mi sembra di esser sulla Bibbia) e Galossi che oramai ci ha preso gusto e fa record un po’ dappertutto. Ma soprattutto chiude in 26”8 nei 50 finali e fa 3’53” nel secondo 400. Ci sono anche i 200, caro discepolo Galossi…il tuo maestro ti aspetta anche lì!

Un minigemello padwan di Galossi è Bertoni. Chissà se crescerà bene, il ragazzo. Nessuna aspettativa su di lui ma ieri 8’01” per lui, coetaneo di Galossi…lo avevo già detto, vero? Ma ci vuole sempre un gemello diverso.

La Quadarella fa il tempo senza patemi (beh, insomma…quasi). Tanto che i due cronisti passano il tempo a sfoggiare aneddoti sulla rivalità di Simona con la sorella. Che si picchiassero in stanza, poi può essere. Tutti i fratelli si picchiano, lo posso testimoniare.

Allora finisco parlando dei 100 stile, dove mi aspettavo fuoco e fiamme. E sono state fiamme da subito. Record personale per Zazzeri, record personale per Frigo, tempo per i mondiali per Miressi, e sei dico sei atleti sotto i 49” con 3 appena appena lì. La finale B si vince con 49”0. Insomma l’Italia dimostra che quando si comincia a vincere, la gente ci prende gusto e vuole partecipare alla festa. Festa che secondo me continuerà anche nella staffetta mista, che vede quattro squadre sotto i 3’40”, e un record di società non fatto solo per la squalifica in 3’32”, tempo da finale mondiale. Ora ci manca solo il ritorno della 4×200. Avevo già detto anche questo? 

Assoluti 2022 day 2: Resurrezioni

Si può fare…

di Mauro Romanenghi

Siamo alla domenica delle palme, quindi ancora in tempo di Quaresima e di resurrezioni. 

Tra le varie resurrezioni di questi giorni, devo cospargermi il capo di cenere (siamo sempre in tema pasquale alla fine) perché è il nostro santone Matteo Giunta fra i responsabili del ritorno di Carini. E siccome fa del recupero una missione (ce l’ha fatta anche con la Zofkova) allora si sobbarca anche la Silvia Scalia e la porta a un doppio primato italiano nei 50 dorso. Sarà questo il viatico per avere una decente centista? Non chiediamo troppo al nostro Matteo, alle prese anche dell’organizzazione del suo matrimonio, però tutto potrebbe essere.

Anche oggi qualche bel duello si è consumato. Una Di Pietro in buona forma si cimenta nei 100 farfalla dando del bel filo da torcere alle altre due veterane Bianchi e Di Liddo, tutto sul filo dei 58 secondi. Un po’ troppo, direte voi, per il livello internazionale. Peccato che di altro non ce n’è, e questo è male. 

Mi ricordo anche i Cavalieri dello Zodiaco, quando c’era Phoenix che risorgeva dalle sue ceneri e arrivava a togliere la castagne dal fuoco dei suoi compagni in difficoltà. Soprattutto al suo sfigatissimo fratello Andromeda, sempre messo malissimo. Cosa c’entrano i Cavalieri dello Zodiaco e soprattutto Phoenix? C’entrano eccome.
Phoenix è la squadra che consente alla Scarabelli di tornare a gareggiare, ecco spiegato l’arcano. Ma chi risorge è la Mizzau, che vince i 200 stile libero donne. Gara che, devo dirlo, è tornata ai livelli dei primi anni Duemila. Insomma, siamo a venti anni fa. Un bel passo avanti e non diamo la colpa alla pandemia: lo stile libero veloce femminile è evanescente: c’è più consistenza nella figura di Egon Spengler dei Ghostbusters. 

Notizia del giorno: tre pass per i Mondiali di Budapest. 
Ceccon che sfoggia un baffetto anni 70 sembra mio zio Vittorio buonanima, Martinenghi sempre più grosso sfoggia look da pirata da Jack Sparrow e la Scalia sfoggia invece una felicità a cui non è abituata.

Infine vedo belle cose dalla 4×200. Frazioni da 1’46”, con una da 1’45”, segnali di ripresa da una staffetta che io attendo a grandi cose. 

Assoluti 2022 day 1: invecchiare fa buon sangue!

Prestazioni eccellenti…giovani e stagionate!

di Mauro Romanenghi

L’altro giorno stavo in cantina dove controllavo i miei vini da invecchiamento (qualcuno anche troppo invecchiato, sarà ora di consumare). E così mi è sovvenuto oggi, mentre guardavo le gare, che ci sono atleti che sembra più il tempo passa più appaiono forti. 

A parte l’excursus vitivinicolo, di cui parlerò, giornata di grandi duelli oggi.
A parte i 400 misti dove Sara Franceschi non ha (purtroppo) rivali, per il forfait della Cusi (perché? lo scopriremo solo vivendo), e la Quadarella come sempre (anche qui purtroppo senza storia), le altre gare non hanno avuto un esito scontato fin dall’inizio.
E per fortuna, dico io. Sai che pizza guardarsi delle gare dove sai già chi vince dal primo metro. 
E così alla fine le sfide all’OK Corral hanno portato a quattro pass anche se diciamocelo ce ne aspettavamo di più. Pass dunque per De Tullio nei 400 (55”3 di chiusura…), Quadarella (onesto 8’24” negli 800), e le due raniste Pilato e Castiglioni.

Nei 400 stile enorme qualità: consideriamo che i primi sei hanno fatto meno di 3’50”, anzi fino a 3’48”: consideriamo che finora solo dodici in Italia avevano queste prestazioni, diciamo che la cosa si fa interessante. 
Speriamo che: 
A) i primi due, De Tullio e Galossi, continuino la loro progressione sotto la guida dello Scuro Minotti (che se li sceglie tutti scuri come lui…sarà affinità elettiva?)
B) Gabriele Detti continui sulla strada del miglioramento e si riporti a quei livelli mondiali per continuare una sfida multigenerazionale. Infatti curiosità vuole che i tre siano separati da sei anni di differenza ciascuno. Ora, sono il primo, il terzo e il sesto di sempre. Gabriele ci ha dimostrato che può risorgere, un po’ come in tempo di Pasqua può capitare.
C) Galossi, che è veramente un fisico spaziale, io qui la butto, secondo me i 200 sono la sua vera gara. Minotti non è però certo uno da velocità pura. 
Ai posteri, come sempre, l’ardua sentenza.

Secondo spettacolare duello di giornata i 100 rana. Qui la Pilato, reduce da un categoria con quattro ori e un record italiano sfiorato, si batte con una Casti rediviva , la quale a me (e anche a mia moglie) sembra aver messo su una notevole massa muscolare, quasi come una ranista USA, sotto la nuova guida di coach Sabino.
Benny dal canto suo realizza il personale, si porta a tre centesimi dal primato Assoluto della rivale in 1’05”70 (con qualche disappunto…d’altronde se cicchi due record Assoluti in quindici giorni per pochi centesimi, un po’ di disappunto ci sta).
Zitta zitta scende sotto 1’07” la Angiolini, un’altra che come la Fangio (quarta qui ma aspettando i 200) con il tempo matura e come il Brunello di Montalcino migliora sempre più. L’annata è la stessa, devo controllare se il 95 va bene per il Brunello (forse siamo un po’ troppo stagionati, per quello).

Ultimo duello i 200 farfalla uomini. Gara scontata, con il bronzo olimpico favorito? Direi di no, Carini Giacomo da Piacenza la spunta, riconquistando quel titolo che mancava dal 2019 e soprattutto tornando sui suoi livelli dello scorso anno già ora: e sono oramai dimenticati gli anni difficili. Rendiamo merito ai “ragazzi” di Piacenza che con calma e pazienza lo hanno ricostruito: Lele Merisi e Gianni Ponzanibbio. Secondo è Razzetti, che sappiamo essere agonista vero. Burdisso delusione? Non direi, il 200 farfalla è difficile e il ventenne (ventenne, non scordiamolo) ragazzone lombardo ancora ci darà prova della sua classe. Da qui un solo rammarico: niente mondiali per nessuno. Mi aspetto grandi botti, adesso.

Ultimo lampo ce lo offre Luca Dotto. Stoccata di classe la sua, direi una flash al corpo. Torna sotto i 22”, due centesimi dal suo migliore di cinque anni fa. Come Fangio, come Angiolini, come tanti, direi più un Amarone che un Brunello.

Intanto prosegue la triste storia della velocità italiana femminile. Ieri due e sottolineo due atlete sotto i 55” lanciati. Cosa dire? 

Qualche parola, dopo gli elogi dell’invecchiamento, al vino novello. Ho visto qualche nome interessante che si era messo in luce ai categoria, con alterne fortune qui. Non vorrei dare grande risalto o cirticare eccessivamente le loro prestazioni, ma li seguirò con piacere e spero di vederli presto ai vertici. Però il compagno di Galossi, Bertoni, vince la finale B dei 400 stile. Attenzione anche a lui. E mi fermo qui, per oggi, con gli assaggi di questo Assoluto.